Come sfruttare il potere della visualizzazione (+ esercizi)

  • Tempo di lettura:10 minuti di lettura
  • Categoria dell'articolo:Cambiare vita
  • Ultima modifica dell'articolo:24 Settembre 2022
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
bambino sulla panchina immerso nella visualizzazione
di Antonio Martone

di Antonio Martone

In ogni libro di crescita personale che si rispetti, c’è un capitolo dedicato alla visualizzazione.

Davvero visualizzare può essere utile per raggiungere i propri obiettivi?
Davvero la visualizzazione può modificare la realtà?

In questo articolo provo a dare una risposta a questi e ad altri interrogativi per permetterti di comprendere l’importanza della visualizzazione e in che modo può aiutarti a cambiare vita.

Il potere della visualizzazione

Ognuno visualizza sia che lo sappia che no.
Visualizzare è il grande segreto del successo.

– Genevieve Behrend

Tutti visualizziamo costantemente, è solo che non ce ne accorgiamo.

Quando sei in sovrappensiero, quando ti arrabbi per una discussione avvenuta in passato, quando sei in ansia e preoccupato/a per qualcosa che deve ancora avvenire, stai visualizzando.

Quante volte nella tua mente hai addirittura affrontato discorsi ipotetici provando forti emozioni? 

In tutte queste situazioni non fai altro che visualizzare.

Come ti accennavo, la visualizzazione è un’attività naturale che però non sempre usiamo a nostro vantaggio.

Quando usate correttamente, le tecniche di visualizzazione sono un potentissimo strumento per la crescita personale e per il tuo cambiamento.

Che cos’è una visualizzazione?

È una rappresentazione mentale lucida e conscia di qualcosa che non è in quel momento presente nella realtà

Ma è presente nella tua mente e, come ho più volte spiegato, la mente non distingue ciò che è immaginato da ciò che è reale.

È come quando vedi un film horror. Nonostante sei consapevole della finzione del film, nella scena clou finisci per irrigidire i muscoli, aumentare la frequenza cardiaca e trattenere il fiato.

Ripeto, la tua mente non distingue la realtà dalla fantasia e questo puoi sfruttarlo a tuo favore.

Ricorda che quando sei concentrato su qualcosa e lo visualizzi chiaramente nella tua mente, attivi un potente sistema di filtraggio delle informazioni: il Sistema di Attivazione Reticolare (S.A.R.).

Questo sistema porta alla tua attenzione tutto ciò che ha a che fare con l’oggetto della tua visualizzazione, poiché il cervello è sempre alla ricerca di evidenze che confermino le tue convinzioni.

Se visualizzi di non piacere alle persone, il tuo S.A.R. va alla ricerca di indizi che confermano l’immagine che ti sei creato/a nella tua mente.

Ma se ti concentri su ciò che vuoi veramente, allora potresti sfruttare questo strumento per portare alla tua attenzione tutto ciò che è utile per realizzare il tuo scopo.

visualizzazione di ricchezza, amore e salute

Per questo motivo devi imparare a formare immagini mentali positive di come vorresti che andassero le cose!

Ciò che più mi preme farti capire è che non c’è niente di nuovo che tu non abbia già fatto, semplicemente devi comprendere come puoi utilizzare il tutto a tuo favore.

Efficacia delle tecniche di visualizzazione

Le tecniche di visualizzazione vengono utilizzate in ogni ambito: dal rilassamento, alla riabilitazione, allo sport.

Numerosi studi sono stati fatti, e grazie alla tecnologia (neuroimaging), oggi possiamo “vedere” cosa accade all’interno del nostro cervello mentre visualizziamo.

Il neuroimaging mostra che nell’azione e nell’immaginazione vengono attivate le stesse regioni celebrali.

Per questo motivo la visualizzazione può migliorare, ad esempio, le performance sportive.

Infatti, in uno studio condotto da Guang Yue e Kelly Cole, è stato dimostrato come immaginare di usare i muscoli li rinforza realmente.

Lo studio prendeva in considerazione due gruppi: uno faceva esercizio fisico, l’altro si limitava a immaginarlo. Entrambi i gruppi si limitavano ad allenare i muscoli di un dito, dal lunedì al venerdì, per un mese. 

Il primo gruppo eseguiva quindici contrazioni massimali con una pausa di venti secondi tra una serie e l’altra. Il secondo gruppo faceva lo stesso, con la sola differenza che tutto avveniva nella propria mente. 

Al termine dello studio, i soggetti che si erano allenati avevano aumentato la propria forza del 30%; i soggetti che immaginavano di allenarsi avevano aumentato la forza del 22%

Non trovi che sia straordinario?

I soggetti dello studio sono stati in grado di riportare nella realtà ciò che avevano “solo” visualizzato.

Quando effettuiamo un movimento, prima ancora che questo si verifichi nella realtà, l’abbiamo immaginato. Nel nostro cervello si crea un’immagine motoria che prepara i muscoli all’azione. 

E più ripetiamo una determinata azione, facendo esperienza, più veloce e preciso sarà il movimento.

E poiché abbiamo la facoltà di pensare ad eventi futuri, come la realizzazione di un obiettivo, attraverso la visualizzazione possiamo prepararci a vivere nella realtà quanto immaginato.

I Quattro Potenti della visualizzazione (pratica)

Passiamo alla pratica!

Come sempre ti propongo degli esercizi che io stesso ho praticato e che hanno avuto un riscontro tangibile nella mia vita.

Quella dei Quattro Potenti è forse la tecnica di visualizzazione più importante sviluppata da colui che può essere considerato il padre della Immaginazione Creativa, Neville Goddard.

I Quattro Potenti, nella metafora di Goddard, sono gli addetti alla creazione della migliore scena teatrale (la tua visualizzazione, il tuo obiettivo) e sono:

– Il Produttore;
– Lo sceneggiatore;
– Il Regista;
– L’Attore.

– Il Produttore è colui che crede nel progetto e che investe i suoi soldi per produrre lo spettacolo. Per consentire al Produttore di investire nel progetto, abbiamo bisogno di una buona idea. In poche parole dobbiamo definire l’obiettivo.

Che cosa vuoi veramente realizzare? A questa domanda devi rispondere prima ancora di proseguire con l’esercizio.

– Lo Sceneggiatore è colui che definisce la scena clou, quindi non tutta la nostra vita, ma una sola scena dove tutto è già realizzato.

Devi definire (in immagini) una scena dove il tuo obiettivo è già realizzato.

sedie del cinema per la visualizzazione

– Il Regista è colui che organizza la scena. In questa fase si inizia la visualizzazione, ma da una prospettiva diversa, in terza persona.

Devi vederti dall’esterno (in modalità spettatore), mentre ripeti la scena, ovvero mentre raggiungi il tuo obiettivo. Ripeto, in modalità dissociata.

– Il compito dell’Attore è ripetere la scena fino a quando non riesce a percepire, con tutti i sensi, come se fosse realtà.

In questa fase devi vederti, in prima persona, come se avessi raggiunto il tuo obiettivo e devi provare le stesse emozioni che proveresti nel momento in cui il tuo desiderio si fosse realizzato. E come l’attore, devi ripetere, ripetere, ripetere, fino a quando non ti sembrerà di vivere realmente il tuo obiettivo.

Ricapitoliamo:
La prima cosa da fare è
chiarire il tuo obiettivo. Sii specifico e mettilo per iscritto nei particolari. Più dettagli hai e più efficacemente attivi il tuo S.A.R.

Immagina la scena clou che vede il tuo obiettivo realizzato. Anche qui, più è dettagliata la scena e maggiore sarà l’efficacia della visualizzazione.

Visualizza te stesso in modalità spettatore. Osservati dall’esterno immerso nella scena clou. Guardati mentre raggiungi il tuo obiettivo. Ripeti fino a quando non ti sembra una scena perfetta.

Adesso sei il protagonista e quindi è l’ora di visualizzarti in prima persona. Il tuo obiettivo è raggiunto! Ripeti la scena fino a quando non ti sembra reale, fino a quando non provi le stesse emozioni che proveresti se avessi già raggiunto il traguardo.

Ripeti, ripeti, ripeti.

Considerazioni finali e un ultimo consiglio

Come avrai potuto apprendere, visualizzare è una pratica che segui costantemente e per questo motivo è meglio sfruttarla a tuo favore.

Grazie ai progressi della scienza abbiamo le prove concrete che solo l’atto di immaginare qualcosa, produce una risposta nella realtà. Che sia uno sforzo fisico, un movimento specifico o il raggiungimento di un obiettivo.

Sfrutta la visualizzazione per concentrarti sul tuo scopo e per attivare al meglio il tuo S.A.R.

L’esercizio che ti ho descritto è davvero molto potente e sono sicuro che, con un po’ di pratica, anche tu potrai ottenere ottimi risultati.

Ma prima di lasciarti vorrei darti un un ultimo consiglio.

Non limitarti a visualizzare solo il raggiungimento del tuo obiettivo. Questa è una fase fondamentale, ma ricorda che devi sempre muovere il culo (scusa il francesismo) per realizzare ciò che desideri.

Quindi visualizza anche il processo! Anzi, innamorati del processo.

Cosa devi fare in pratica affinché tu raggiunga il tuo obiettivo? Che sia studiare, lavorare su qualcosa in particolare, allenarsi, formarsi, trasferirsi, viaggiare, ecc., visualizza anche questo.

Visualizzare te stesso/a mentre sei alle prese con il processo, ti prepara alla fatica che devi compiere. Nessuno ti regala niente! Ma come i soggetti dello studio, anche tu puoi “allenarti” ad avere successo.

 

Su cosa vorresti lavorare? Quale scena hai pensato di mettere in atto? Scrivimelo nei commenti.

Ti saluto e ci leggiamo al prossimo articolo.

Antonio M.

CONDIVIDI

Lascia un commento