4 Strumenti utili per praticare la Mindfulness

  • Tempo di lettura:12 minuti di lettura
  • Categoria dell'articolo:Mindfulness
  • Ultima modifica dell'articolo:29 Gennaio 2024
strumenti per praticare la mindfulness
Picture of di Antonio Martone

di Antonio Martone

Mindfulness è molto più di una semplice parola di tendenza, è una pratica antica che ha dimostrato di avere un impatto straordinario sulla nostra salute mentale e sul nostro benessere generale.

La nostra mente è come un giardino e sappiamo bene che, talvolta, coltivare un giardino rigoglioso richiede gli strumenti giusti. 

Ecco perché in questo articolo esploreremo alcuni strumenti utili per praticare la mindfulness che, non solo renderanno la tua pratica di consapevolezza più accessibile, ma anche più gratificante. 

App per la Mindfulness

Trovare il tempo per praticare la mindfulness può sembrare una sfida ed è qui che entrano in scena le app per la mindfulness. 

In questa sezione, esploreremo le app di mindfulness più popolari, come puoi utilizzarle per iniziare o perfezionare la tua pratica, ei benefici che possono portare alla tua vita.

Le migliori app per la Mindfulness

Le app per praticare la mindfulness hanno rivoluzionato la forma in cui possiamo vivere nella consapevolezza. Alcune delle più rinomate includono Headspace, Calm e Petit BamBou.

Queste app offrono una vasta gamma di meditazioni guidate, esercizi di respirazione e sessioni di consapevolezza a portata di mano. 

Che tu sia un principiante o un praticante esperto, queste app ti offrono la flessibilità di adattare la tua pratica alle tue esigenze e al tuo programma quotidiano.

Come utilizzare le app per iniziare o migliorare la tua pratica

Iniziare a praticare la consapevolezza con una pp è più semplice di quanto si possa immaginare. Dopo aver scaricato l’app che preferisci, segui questi semplici passaggi:

Scegli il momento giusto: trova un momento tranquillo nella tua giornata, che possa diventare il tuo spazio di consapevolezza. Può essere al mattino appena sveglio/a, durante la pausa pranzo o prima di coricarti.

Scegli il contenuto: le app di mindfulness offrono una varietà di contenuti, dalla meditazione alla gestione dello stress, dalla concentrazione alla respirazione. Scegli il tipo di pratica che meglio si adatta alle tue esigenze.

Trova un luogo tranquillo: siediti in un luogo tranquillo dove puoi essere comodo e senza distrazioni.

Inizia la tua pratica: segui le istruzioni dell’app e immergiti nella pratica. Rilassati, concentrandoti sulla tua respirazione o su ciò su cui la pratica si focalizza.

Mantieni la costanza: la chiave per migliorare è la costanza. Pratica la consapevolezza regolarmente, anche solo per pochi minuti al giorno, per sperimentare i benefici nel tempo.

Non importa da dove iniziare, l’importante è iniziare. La consapevolezza è una strada che porta a una vita più equilibrata e soddisfacente.

Utilizzare una app per praticare la mindfulness è un modo intelligente di usare i nostri dispositivi che, troppe volte, sono solo strumenti di distrazione.

Tappetino da yoga

Potresti chiederti: “Perché ho bisogno di un tappetino da yoga per praticare la mindfulness?”. Bene, il tappetino da yoga è più di una superficie comoda su cui sedersi o sdraiarsi. 

È il tuo santuario personale, un rifugio di tranquillità su cui puoi praticare la consapevolezza con serenità. Quando pratichi la consapevolezza, la comodità è cruciale.

Un tappetino da yoga offre un supporto morbido e una superficie pulita per sederti o distenderti durante la meditazione o la postura di yoga, il che rende la tua esperienza più piacevole e agevole.

Consigli per la scelta del tappetino giusto

Ora che capiamo l’importanza del tappetino da yoga, è essenziale sceglierne uno adatto alle tue esigenze. Ecco alcuni consigli pratici per la selezione:

Spessore e ammortizzazione: opta per un tappetino spesso e ben ammortizzato, in modo da garantire comfort durante le lunghe sessioni di meditazione.

Materiale durevole: cerca tappetini realizzati con materiali di qualità che siano resistenti all’usura e facili da pulire.

Dimensioni adeguate: assicurati che il tappeto sia sufficientemente grande per consentire una pratica comoda. La tua pratica di consapevolezza dovrebbe essere rilassante e non limitata dallo spazio.

Superficie antiscivolo: Per evitare scivolamenti durante le sedute di meditazione, scegli un tappetino con una superficie antiscivolo.

Creare uno spazio per la meditazione con il tappetino

Una volta scelto il tappetino giusto, è il momento di creare uno spazio di meditazione accogliente. Ecco come farlo:

Trova un luogo tranquillo: seleziona un posticino tranquillo nella tua casa dove puoi posizionare il tappetino. Può essere un angolo del soggiorno o persino un piccolo spazio nel tuo giardino, a seconda delle tue preferenze.

Aggiungi elementi di comfort: personalizza il tuo spazio con elementi che ti fanno sentire il tuo agio, come cuscini, una coperta morbida o una candela profumata.

Sii coerente: quell’angolo dove hai sapientemente disposto il tuo tappetino diventerà il tuo rifugio quotidiano per praticare la mindfulness.

Lo zafu: una valida alternativa

Lo zafu è il classico cuscino da meditazione. La sua altezza lo rende comodo per coloro che hanno le gambe lunghe o per chi ha poca flessibilità alle anche.

Permette una seduta comoda per lunghe sessioni di meditazione, sostiene la colonna vertebrale per supportare una postura perfetta e adeguata a praticare la mindfulness.

Alcuni tappetini che ti consiglio:
Lotuscraft Mudra Studio

Yogati

Rudacas (in sughero)

E alcuni zafu:
Lotuscraft Zafu Zen

Present Mind

Diario della Mindfulness

Questo semplice strumento può diventare un fedele compagno per registrare i tuoi pensieri, le tue emozioni e le tue riflessioni durante la tua sessione di mindfulness.

Spesso, nella frenesia della vita quotidiana, i nostri pensieri e le nostre emozioni possono sembrare un flusso inarrestabile. La registrazione di questi aspetti ci offre un modo di rallentare e osservare ciò che accade dentro di noi. 

Quando iniziamo a praticare la mindfulness, impariamo a essere presenti nel momento e a dare ascolto ai nostri pensieri e alle nostre emozioni senza giudizio. 

Tenere un diario della mindfulness è il nostro mezzo per catturare questo flusso, permettendoci di esplorarlo in modo più approfondito.

Suggerimenti su come tenere un diario della Mindfulness

È semplice e accessibile a chiunque. Ecco alcuni suggerimenti per iniziare:

Tempo dedicato: scegli un momento del giorno in cui dedicarti alla registrazione dei tuoi pensieri e delle tue emozioni. Può essere al mattino prima di iniziare la giornata o la sera prima di andare a dormire.

Spazio di scrittura: trova un luogo tranquillo dove puoi scrivere senza distrazioni. Questo spazio dovrebbe ispirarti alla riflessione e alla consapevolezza.

Semplicità: non c’è bisogno di scrivere lunghe epistole. Annota brevemente i tuoi pensieri, le tue emozioni o le situazioni che hai sperimentato durante la giornata.

Registrazione obiettiva: cerca di essere oggettivo e onesto con te stesso. Non c’è giusto o sbagliato quando si tratta di sentimenti e pensieri.

Come il diario può migliorare la tua consapevolezza e la gestione dello stress

Consapevolezza: tenendo traccia dei tuoi pensieri e delle tue emozioni, sviluppi una maggiore consapevolezza di ciò che provi e pensi in diverse situazioni.

Identificazione dei Pattern: Il diario ti aiuta a individuare schemi di pensiero o comportamentali che possono essere causa di stress o disagio, permettendoti di affrontarli in modo più efficace.

Gestione dello stress: esprimere i tuoi pensieri e le tue emozioni può fungere da sfogo e ridurre lo stress accumulato.

Monitorare il progresso: nel tempo, potrai rivedere il tuo diario e notare i cambiamenti nella tua mente e nel tuo cuore, testimoniando il tuo progresso nella pratica della mindfulness.

Diario della Mindfulness:
The 6-minute Diary

In alternativa anche un quaderno o un’agenda possono andare più che bene.

Corsi di Mindfulness

Iniziare a praticare la mindfulness a volte può sembrare difficile e avere a disposizione un istruttore e delle chiare indicazioni può fare la differenza.

Se desideri un approfondimento su come praticare la mindfulness, allora questo strumento potrebbe essere l’opzione perfetta per te. 

In questa sezione, esploreremo i vantaggi dell’iscrizione a corsi di mindfulness, cosa aspettarsi da queste esperienze e come trovare corsi locali o online che si adattino alle tue esigenze.

I vantaggi dell’iscrizione a corsi di Mindfulness

Partecipare a un corso di mindfulness può offrire una serie di vantaggi significativi:

Guida esperta: i corsi sono guidati da istruttori esperti che ti aiuteranno a comprendere le tecniche e a praticare in modo efficace.

Accountability: l’iscrizione a un corso ti impegna a essere costante nella tua pratica, poiché avrai un programma da seguire e un gruppo di sostegno.

Feedback personalizzato: gli istruttori possono fornire feedback personalizzati per migliorare la tua pratica e affrontare eventuali sfide.

Supporto: in un corso, farai parte di una comunità di persone che condividono gli stessi interessi e obiettivi, creando un ambiente di sostegno.

Struttura organizzata: I corsi offrono una struttura ben definita per la tua pratica, guidandoti attraverso diverse tecniche e concetti chiave.

Cosa aspettarsi da un corso di Mindfulness

Se stai pensando di iscriverti a un corso di mindfulness, ecco cosa puoi aspettarti:

Lezioni guidate: le lezioni copriranno varie tecniche di mindfulness, tra cui meditazione, consapevolezza del respiro e gestione dello stress.

Esercizi pratici: avrai l’opportunità di partecipare a esercizi pratici durante le sessioni, applicando direttamente ciò che hai imparato.

Materiali di supporto: molto probabilmente riceverai materiali di supporto come letture, registrazioni audio o video, per rafforzare la tua comprensione.

Discussione e condivisione: I corsi spesso includono momenti di discussione e condivisione (inquiry) delle esperienze tra i partecipanti.

Compiti per casa: Potresti ricevere compiti o esercizi da completare tra una lezione e l’altra per approfondire la tua pratica.

Come trovare corsi locali o online

La ricerca di corsi di mindfulness è più accessibile che mai. Ecco come puoi fare:

Corsi locali: contatta centri di yoga, studi di meditazione o centri di benessere nella tua zona. Chiedi loro se offrono corsi di mindfulness o se possono indirizzarti verso risorse locali.

Online: esplora piattaforme di e-learning come Coursera o Udemy, ma basta googlare ‘corsi di mindfulness online‘ per avere un’ampia scelta a tua disposizione.

Io mi sono affidato a Mindfulness Educators. Le lezioni sono davvero strutturate bene e puoi avere anche l’opportunità, se sei un sanitario come me, di accedere ai crediti ECM. 

Ho frequentato sia il corso base (facilitatore mindfulness) che l’AMPT (Advanced Mindfulness Professional Teacher Training), portando a casa ben 100 crediti ECM. Insomma, l’utile e il dilettevole.

Un ultimo consiglio

Che tu stia pensando di frequentare un corso in presenza o online, ricorda che la consapevolezza va coltivata in maniera costante. I corsi sono un preziosissimo aiuto, ma la disciplina nel praticare la mindfulness è fondamentale.

Conclusioni

Dalle app che rendono la consapevolezza accessibile a tutti, al tappetino da yoga che crea uno spazio sacro per la pratica, dal diario di consapevolezza che dà voce ai tuoi pensieri, ai corsi che offrono una guida esperta e una comunità di sostegno, abbiamo scoperto come ciascuno di questi strumenti può contribuire al tuo benessere mentale e spirituale.

Ricorda che la consapevolezza è un viaggio personale, e ciò che funziona per te potrebbe essere diverso da ciò che funziona per gli altri. Quindi, sperimenta con questi strumenti, adatta la tua pratica alle tue esigenze e impara a vivere nel momento presente.

Se hai altri suggerimenti per praticare la mindfulness, scrivilo nei commenti.

 

Al prossimo post, 

Antonio M.

CONDIVIDI